Sintesidialettica.it

Sintesi Dialettica ::: per l'identità democratica

logo letteratura
Recensioni
Le Président
Nel 1957 Georges Simenon scrive questo singolare romanzo, che vedrà la luce l’anno succesivo. Sulle coste della Normandia, vicino a Le Havre, nella frazione di Bénouille, la residenza di Les
di Eleonora Cimpanelli
Per il battesimo dei nostri frammenti
A quest’opera si fa generalmente risalire l’ultima fase della poesia dell’autore fiorentino, culminante in un’ardua riflessione sulle funzioni e sui limiti della parola umana. Per il
di Carlo Taddeo
Il reticolo e il fondamento del potere. Una rilettura di Todo modo (parte prima)
La rilettura a distanza di più di trent’anni del romanzo di Leonardo Sciascia Todo modo permette una riflessione più generale sul duplice modo di intendere il potere che vi è declinato: da un lato un potere inteso come ragnatela di rapporti, di complicità, di ambiguità (ed è l’idea di potere che traspare dai personaggi che partecipano agli esercizi spirituali), dall’altro un potere inteso sostanzialmente come fondamento, così come appare nella figura centrale, il don Gaetano che di quegli esercizi spirituali è infaticabile organizzatore e severo direttore. Il protagonista, con la sua formazione rigorosamente laica, attraversa e si confronta con queste due specifiche forme di potere – entrambe concepite come delle vere teologie politiche – senza riuscire a risolversi definitivamente. In questo senso il romanzo appare anche come una grandiosa metafora non tanto dell’Italia del 1974, quanto di un’Italia metafisicamente colta nella sua dimensione teologica e politica insieme.
di Gabriele Guerra
Il reticolo e il fondamento del potere. Una rilettura di Todo modo (parte seconda)
SECONDA PARTE 1) Teologia politica del Grande Inquisitore Ma – per fare un
di Gabriele Guerra
Hammerstein o dell’ostinazione
Il libro di Enzensberger racconta di un alto ufficiale tedesco tra le due guerre ostile all’ascesa al potere di Hitler, ponendo al centro l’ostinazione con cui Hammerstein mantenne ferma la sua opposizione al nazismo.
di Gabriele Guerra