Sintesidialettica.it

Sintesi Dialettica ::: per l'identità democratica

logo letteratura
La rubrica Artisti al lavoro propone una serie d’articoli d’attualità d’arte che di volta in volta presentano un artista contemporaneo e le sue opere. In questo numero iniziamo con Roberto Malquori, esponente di spicco della Pop Art italiana. Tale movimento si è sviluppato negli anni sessanta con artisti, per citarne alcuni, del calibro di Mario Schifano, Tano Festa e Franco Angeli, che hanno liberamente assimilato e reinterpretato il fenomeno Pop statunitense (sicuramente più noto al grande pubblico) con un linguaggio ed un’identità autonoma ed originale.
Contemporanea: Artisti al lavoro
Simonetta Gagliano: orizzonti mistici
La tecnologia e la scienza hanno migliorato la qualità della vita, ma l’arte, rifugio dello spirito, è fuggita lontana e noi avvertiamo tutta la povertà della nostra condizione. Non è forse vero che la riflessione mistica sull’arte è diventata oramai una categoria filosofica sorpassata da un’arte fredda e cerebrale, fondata sul denaro e sui manipolatori d’opinione? Infatti, il sacro timore e la meraviglia, che animavano le opere del passato come tramite verso il divino, non hanno più l’importanza che avevano nel passato. Partendo da questi presupposti il testo critico analizza l’influenza mistica di tradizione cristiana sulle opere di Simonetta Gagliano, indagando sull’origine dell’attività artistica negli ultimi dipinti del duemilanove della pittrice romana.
di Raffaele Simongini
Roberto Malquori tra pittura e cinema: il decollage e il montaggio delle immagini
L’articolo analizza i rapporti tra la pittura di Roberto Malquori, esponente della Pop art italiana, e il cinema. La tecnica del decollage, utilizzata dall’artista toscano, nasce dall’assemblaggio di fotogrammi sulla tela che svelano, dal punto di vista formativo ed intellettuale, delle interessanti analogie con il procedimento del montaggio cinematografico.
di Raffaele Simongini
Documentario: Giuseppe Gentili, a ferro e fuoco
Osservare un artista muoversi nel suo studio mentre crea e commenta un’opera offre al pubblico una visione e una conoscenza dell’arte più aderente alla realtà, poiché il messaggio è visivo, rivolto
di Raffaele Simongini